Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicità. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

CARLO VERDONE: ´OGGI NEL RAPPORTO TRA UOMINI E DONNE VEDO L´UOMO PIÙ IN DIFFICOLTÀ´

Naviga: NOTIZIE / SPETTACOLI

"Comicita´, divertimento, colpi di scena e poesia" così Carlo Verdone parla del suo nuovo film "Benedetta follia", in uscita in sala l´11 gennaio. L´attore veste i panni di Guglielmo, uomo di specchiata virtu´, proprietario di un negozio di articoli religiosi e alta moda per vescovi e cardinali. Quando la moglie Lidia, devota consorte per 25 anni, decide di mollarlo proprio nel giorno del loro anniversario, stravolge il suo mondo e tutte le sue certezze. Poi, pero´, nel suo negozio arriva un´imprevedibile candidata commessa: Luna, una ragazza di borgata travolgente.

Da quel giorno niente sara´ piu´ come prima: Luna lo iscrive a "Tinder", la app piu´ hot del momento, e Guglielmo scoprira´ il sorprendente mondo degli appuntamenti al buio e gli esilaranti tentativi di donne disposte a tutto pur di trovare l´anima gemella. Del cast fanno parte anche: Ilenia Pastorelli (Luna), Maria Pia Calzone, Lucrezia Lante Della Rovere, Paola Minaccioni. "Nella prima parte - rivela Verdone - racconto le donne piu´ squinternate, poi prevale la necessita´ di affetto e sincerita´.

Carlo Verdone: ´Oggi nel rapporto tra uomini e donne vedo l´uomo più in difficoltà´


Nella seconda il tono e´ poetico, due abbracci danno il senso del film come se fosse una carezza per lo spettatore. E´ la storia di un´alleanza, il tutto all´insegna dell´aggiornamento dei sentimenti, sapendo che volere bene a una persona e´ un lavoro, un impegno. Oggi nel rapporto tra uomini e donne vedo l´uomo piu´ in difficolta´".

Per Ilenia Pastorelli "il film lancia un bellissimo messaggio: forse l´amore e´ piu´ vicino di quello che si pensa". La protagonista di Lo chiamavano Jeeg Robot, premiata con il David di Donatello, ricorda: "e´ stato bello e inaspettato.

Quando mi ha chiamato mi sono emozionata. Il mio personaggio provoca un cambiamento positivo in Guglielmo e sul set ho capito meglio me stessa". Il produttore Luigi De Laurentiis sottolinea che "con Carlo sono 14 anni che ci confrontiamo continuamente, raccontiamo storie contemporanee. Questo film ha avuto una gestazione lunga, un film pop scritto all´americana da due sceneggiatori, Guaglianone e Menotti, artisti che si prestano in maniera eccellente al cinema".


Data pubblicazione : 07/01/2018 Autore : Italpress Fonte: Italpress