Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicità. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

COME AIUTARE UN BAMBINO DISLESSICO

Come aiutare un bambino dislessico


In questo video realizzato dalla cooperativa  Anastasis,  una società che da molti anni si occupa meritoriamente di strumenti compensativi per i disturbi dell´apprendimento, si può forse intuire cosa significhi leggere per un bambino dislessico.

La dislessia è un disturbo dell’apprendimento che si manifesta con difficoltà di lettura associata quasi sempre a errori ortografici. Il disturbo si evidenzia già al termine della prima o  della seconda elementare.
Come aiutare un bambino dislessico? Ogni dislessico ha il suo profilo: alla difficoltà di lettura spesso è associata la disortografia (errori ortografici), la disgrafia (corpo di scrittura non chiaro) e la discalculia (difficoltà di calcolo).


Come aiutare un bambino dislessico, intervento degli specialisti

Per aiutare un bambino dislessico è fondamentale una consulenza specialistica tempestiva che consista nella riabilitazione logopedica e in accorgimenti didattici chiamati strumenti compensativi , quali il computer, il registratore, la sintesi vocale.
I dislessici hanno un quoziente intelletivo  nella norma e devono avere  le stesse opportunità didattiche degli altri bambini, poi, in orario post scolastico, devono essere  seguiti dagli specialisti, quali logopedisti, psicologi o psichiatri specializzati nei disturbi dell´apprendimento.

Come aiutare un bambino dislessico


Come aiutare un bambino dislessico, l’insegnante
Se la dislessia non viene diagnosticata per tempo può condizionare un bambino per tutta la vita, pertanto:

  • in caso di sospetta dislessia, attivati immediatamente per una consulenza specialistica tempestiva
  • coordinati con gli operatori sanitari e la famiglia
  • se necessario, usa sussidi e supporti didattici come libri digitali ,cassette video, audio e cd rom e fai utilizzare il pc per la scrittura
  • evita di far leggere il bambino ad alta voce in classe davanti agli altri, per lui è frustrante
  • incoraggia sempre il bambino: potrebbe sentirsi inadeguato, sarà compito tuo fare in modo che questo non avvenga
  • assegnagli compiti adeguati alle sue capacità
  • concedigli più tempo per rispondere, per leggere e per scrivere infondendogli fiducia in se stesso e nelle sue capacità
  • metti in evidenza le altre capacità che possiede: la perdita di autostima è la prima conseguenza se non valorizzi il bambino in altri campi.

Come aiutare un bambino dislessico
, da evitare
  • non confrontare i suoi risultati con quelli dei compagni
  • non metterlo in imbarazzo davanti alla classe, evitando definizioni come lento, pigro, svogliato

Come aiutare un bambino dislessico, lo smartphone, tablet, pc
Per un bambino dislessico è difficile leggere un libro tradizionale ma se si tratta di leggere un testo su uno smartphone o un tablet ne sarà entusiasta, inoltre potrà essere aiutato dalla sintesi vocale.
In questo modo il bambino sarà più stimolato a scrivere e a leggere e, anche fra i banchi di scuola, l’autostima aumenterebbe.

Come genitore è importante non farsi travolgere dall´ansia per le difficoltà scolastiche del figlio, ma aiutarlo a fronteggiarle, essere dislessici non significa non aver successo nella vita, come del resto è conclamato da molti famosi dislessici.

E´ importante informarsi, contattate per questo L´Associazione Italiana Dislessia  che da anni si batte per aiutare i ragazzi dislessici,  organizzando corsi, facendo opera capillare di informazione e adoperandosi  in tutte le sedi opportune per tutelare questi ragazzi anche a livello legislativo.



Data pubblicazione : 10/09/2017 Autore : Redazione