Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicitą. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

GIANLUCA GRIGNANI - SEI UNICA

Naviga: VIDEO / MUSICA

"Vorrei scriver per te
un disco intero
non è una cosa detta a caso
è quel che sento davvero
ma le prime parole che mi vengon da dire
sono soltanto queste
tu mi fai impazzire"

L´album  "Una strada in mezzo al cielo" che raccoglie i 20 anni di carriera di Gianluca Grignani è uscito lo scorso 6 maggio e lo stesso giorno  il cantautore ha fatto parlare di sè per il suo improvviso ricovero in ospedale a causa di un attacco di panico.
 
“C’è che l’ ansia è cattiva, e non passa. Non passa mai. L’ansia ha un livello uno, accettabile, e un livello due, che non lo è più. E lì corre con la tachicardia e l’angoscia, ti fa vedere i film, non la trattieni, ovunque tu sia è meglio che esci da quella stanza perché non puoi più rispondere di te- ha raccontato in un´intervista a Vanity Fair- Sono momenti devastanti, ma non permetterò che mi pieghino definitivamente ai farmaci”.

A proposito dell´arresto di qualche anno fa,  ha ricordato quanto le difficoltà con la compagna Francesca avessero influito sul suo equilibrio: “Figlio dopo figlio mi sentivo togliere sempre più attenzioni. Mi sembrava di essere diventato l’ultima priorità, l’ultimo a essere amato. Sapevo che così doveva essere, ma non me ne facevo una ragione. Ero capace di uscire e tornare dopo 15 giorni, solo per mangiare“.
E parlando di Francesca ha aggiunto: “Era sfinita dal circo mediatico. Ha preso i nostri figli e se n’è andata, lasciandomi solo. È durata un niente, ma un niente interminabile“.

Nella stessa intervista ha chiesto scusa ai suoi quattro figli, Ginevra, 11 anni, Giosuè Joshua, 7, Giselle, 6, e Giona, 3, «per non essere oggi il padre che probabilmente i loro compagni di scuola trovano fuori dal cancello. Comprenderanno però un domani che quello che gli sto insegnando io non tutti i papà possono insegnarlo, e forse allora il gioco sarà valso la candela. Soprattutto, vorrei dire loro che non devono preoccuparsi. Se ci sarà da chiedere un’altra volta perdono, lo farò. Ma, se avranno bisogno, potranno contare sulla parte migliore di me».


Data pubblicazione : 16/05/2016 Autore : Redazione