Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicità. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

GUIDA ALL´ACQUISTO DEL SACCO PER LA NANNA. E´DAVVERO UTILE?



Il sacco per la nanna è un prodotto per la prima infanzia diffusissimo in Nord Europa ma molto utilizzato anche in Italia.

E’ una vera e propria "coperta che si indossa" chiusa sul fondo e ai lati che si usa al posto di lenzuolino e copertina.  
Serve a mantenere il bambino ad una temperatura costante per tutta la notte e ha un forte potere rassicurante soprattutto per i bimbi appena nati o prematuri che si sentono, all’interno del sacco, avvolti e protetti come lo erano nella pancia della mamma.

Anche se non ci sono studi scientifici che lo provino, pare che che il sacco nanna prevenga la Sids, cioè la sindrome della morte in culla.
Sia perchè evita che il bambino scivoli sotto le copertine con il rischio di soffocamento; sia perchè, mantenendo la temperatura corporea costante, evita il surriscaldamento.

Guida all´acquisto del sacco per la nanna. E´davvero utile?


Sapere che il bimbo non si scoprirà durante la notte anche se si muove molto, fa dormire meglio anche mamma  e papà che non devo alzarsi più volte durante la notte per coprirlo. 
Il sacco nanna si può portare anche in viaggio e in vacanza e permette al bambino di adattarsi più facilmente al cambiamento dormendo nella sua solita copertina che si indossa.

Consigli per l´acquisto del sacco:

Il sacco deve essere abbastanza ampio : il bambino deve muoversi comodamente ma non tanto da scivolarvi dentro.

Quando scegliete un sacco per la nanna fate riferimento ai centimetri e non ai mesi dichiarati.
Considerate che i sacchi lunghi solo 65 o 70 cm sono utilizzabili per pochissimo tempo, quindi meglio acquistare un sacco più lungo di una ventina di centimetri del vostro bambino. In questo modo lo sfrutterete di più.

Il modello più comune di sacco nanna è quello con le bretelle che permette di avere le braccine libere. Alcuni modelli per l’inverno prevedono le maniche lunghe rimovibili, così si può decidere di aggiungerle quando si va fuori casa e toglierle negli ambienti chiusi.

Lo spessore del sacco nanna va scelto in base alla temperatura della casa e alla  stagione.
L’unità di misura internazionale per il calore del sacco nanna è il “TOG”, con una scala che varia da 0.5-1 (sacchi nanna estivi) a 2-2.5 tog (sacchi per l’inverno).

Non vestite eccessivamente il bambino sotto il sacco della nanna.
Vanno benissimo le solite tutine che si metterebbero sotto la copertina classica con al di sotto il classico body in cotone (la ciniglia è troppo pesante anche nei rigidi mesi invernali con i riscaldamenti accesi).
Il bambino non deve sudare e le estremità (mani, piedi e fronte) devono essere fresche. 

Ci sono modelli di sacchi per la nanna che arrivano fino ai 36 mesi, ma il momento migliore per sfruttarlo è quello dei primi 3-6 mesi di vita del bambino.
In seguito la scelta di usare ancora il sacco può dipendere o da un’abitudine del bambino, che lo vede come il peluche che gli tiene compagnia durante la nanna, o da una scelta della mamma.


Data pubblicazione : 03/05/2018 Autore : Claudia Liberti