Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicità. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

I CIBI DA EVITARE DURANTE L´ALLATTAMENTO


Allattare, contrariamente a quanto sembra, è molto faticoso e dispendioso per il corpo femminile: in media, una donna che allatta produce 700-800 ml di latte al giorno che corrispondono a un costo energetico di circa 500 calorie.

alimentazione di una donna in allattamento deve essere il più possibile variata ed equilibrata con un incremento delle calorie giornaliere pari a circa 330 calorie (il che non equivale a mangiare per due) e un lieve aumento delle proteine (il fabbisogno aumenta di 15 grammi nel primo semestre d’allattamento e di 10 grammi nel secondo.

Visto che l´ 85% della composizione del latte è rappresentato da acqua, bisogna bere 2 litri e mezzo di acqua al giorno (  vanno bene anche le tisane purché non zuccherate) perché più di mezzo litro serve solo per produrre latte (mentre si allatta o immediatamente dopo si ha una gran sete).

I cibi da evitare durante l´allattamento


I cibi da evitare durante l´allattamento, invece, sono
: la cioccolata, gli insaccati, la cacciagione, i crostacei, i peperoni, tutti i cavoli e derivati (cavolfiori, broccoli, cime di rapa, verze), gli asparagi, i carciofi, l´aglio e la cipolla crudi e, in generale, tutte le verdure e le spezie dal sapore amaro e molto intenso che possono rendere sgradevole il sapore del latte.  
Di fronte a certi sapori, il bambino potrebbe rifiutare il seno.
Assumete i cibi " a rischio" in quantità moderata: se il bambino li accetta, vuol dire che potete continuare a mangiarli. In caso contrario meglio evitarli. 

Cercate di limitare il consumo di legumi a due  volte alla settimana se il bambino soffre di coliche gassose. È meglio evitare fritti e soffritti e preferire cotture come quella a vapore.

Evitate inoltre:
Le carni molto saporite,
come quella di cavallo, la selvaggina, i salami piccanti o molto speziati.
Le spezie forti o piccanti, come il curry o il peperoncino.
Il pesce affumicato, come salmone o pescespada e altri pesci come lo sgombro o il tonno.
I frutti di mare e i crostacei per possibili ripercussioni allergiche.
I succhi di frutta, le sostanze troppo zuccherine e  i troppi dolci.

Per quanto riguarda l’alcol, berlo in eccessive dosi, può portare a insonnia, riduzione del latte materno, ipoglicemia, diminuzione del tempo di suzione di circa 1/4, e uno sviluppo non regolare. 
Se occasionalmente volete concedervi un bicchiere di vino, assumetelo a bassa gradazione, a stomaco pieno e subito dopo la poppata e almeno 3 ore prima della poppata successiva.
Ovviamente una donna in allattamento non deve assumere nicotina ( che può rendere agitato il bambino, causando anche insonnia) e nemmeno i farmaci, perché attraverso il latte, vengono assimilati anche dal bambino.

Insomma, l´alimentazione in gravidanza è molto importante sia per il benessere della mamma che per garantire la giusta produzione di latte ma non deve essere gravata da falsi miti senza nessun fondamento scientifici né da divieti troppo rigidi. Una mamma che allatta deve semplicemente seguire un sano regime alimentare.


Data pubblicazione : 13/06/2018 Autore : Claudia Liberti