Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicità. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

L´IMPASTO DELLA PIZZA, GLI ERRORI DA EVITARE PER FARLA MORBIDA E FRAGRANTE

Naviga: COME FARE / CUCINA

Oggi vi proponiamo la ricetta dell´impasto base (a doppia lievitazione) della pizza.
Seguite i nostri consigli e farete una pizza in casa morbida e fragrante.

L´impasto della pizza, gli errori da evitare per farla morbida e fragrante



Ingredienti per una teglia rettangolare da forno:

250 gr di farina 0

150 gr di farina 00

240 cl di acqua temperatura ambiente

3 gr di lievito di birra

mezzo cucchiano di sale

 
Per la farcitura:

foglie di basilico fresco

200 gr di fiordilatte (o mozzarella)

250 gr di pelati San Marzano

 
Procedimento:

Disponete la farina su una spianatoia o in una ciotola.

Prendete due bicchieri: in uno sciogliete il sale in 100 cl di acqua. Nell´altro bicchiere sciogliete il lievito nei rimanenti 140 cl di acqua.

Versate il lievito sciolto nella farina e iniziate ad impastare aggiungendo altra acqua per rendere l’impasto più elastico.

Mettete l’impasto in una ciotola e poi all’interno di un sacchetto di plastica (come quelli per congelare gli alimenti).
In questo modo l’impasto crescerà senza fare la crosta sulla superficie  e rimarrà leggermente umido.
Fatelo lievitare in un luogo asciutto ( come il forno spento ) per 4 ore circa.

Ungete la teglia per la pizza con l’olio d’oliva.

Prendete l’impasto dalla ciotola e adagiatelo sul piano da lavoro precedentemente infarinato.

Con i polpastrelli schiacciate l’impasto dal centro verso l’esterno (questo movimente vi permette di eliminare l’aria dall’impasto) adattandolo alla forma della teglia.
Adagiate l’impasto nella teglia e continuate a schiacciarlo con lo stesso movimento.

L´impasto della pizza, gli errori da evitare per farla morbida e fragrante

Riponete nuovamente la teglia in forno spento per altre 3-4 ore.

Nel frattempo in una ciotola schiacciate i pomodori aiutandovi con i lembi di una forchetta e aggiungete un pizzico di sale.

Preriscaldate il forno al massimo della temperatura e fate cuocere la pizza per circa 15 minuti dopo averla cosparsa di pomodoro.

Distribuite il fiordilatte tagliato a dadini e le foglie di basilico fresco e fate cuocere ancora per qualche minuto.
Poi sfornate, tagliate a tranci e servite.

Fate attenzione ai condimenti che scegliete.

E’ importante che non rilascino acqua in cottura altrimenti la pizza non si cuoce bene al centro resta cruda nelle parti sotto il condimento compromettendo la buona riuscita della pizza.

Per evitare questo è bene che la temperatura del forno non sia troppo bassa e che I latticini e il pomodoro ( o funghi, mais..) siano ben scolati.
E’ preferibile, ad esempio, usare il fiordilatte invece della mozzarella perché è più asciutto; se preferite la mozzarella tagliatela a dadini e lasciatela per qualche ora a sgocciolare in un colino.

Note:

In genere, per paura che la pizza non lieviti, si tende a mettere molto lievito.
È vero che così l’impasto lieviterà di sicuro, ma troppo lievito ha come conseguenze un forte odore di lievito nell’impasto e una pizza non fragrante che tenderà a seccarsi subito.

La quantità di lievito davvero necessaria per la lievitazione dell’impasto della pizza è, come abbiamo visto, di pochi grammi per chilo di farina.

Nella scelta delle farine è importante scegliere quelle con un alto contenuto di  glutine che aiuta l’impasto a non rompersi quando si lavora per stenderlo.
Mischiare le due farine (0 e 00) serve a risolvere questo problema.

Dare all’impasto il giusto tempo di riposo, aiuta anche il glutine a distendersi e un glutine disteso diminuisce l’elasticità della pasta e rende più facile stenderla.


Data pubblicazione : 05/12/2017 Autore : Claudia Liberti