Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicità. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

MAMME ATTENTE, LA CONDIVISIONE ECCESSIVA SUI SOCIAL PUÒ ESSERE PERICOLOSA

Naviga: LIFESTYLE / MAMME

Festa della mamma: quale migliore occasione per rendere partecipi parenti ed amici dei mille modi in cui i nostri figli ci hanno fatto sentire importante in questa giornata speciale!

La tentazione è molto forte.
E se a questo si aggiunge la lontananza della famiglia e la partecipazione a gruppi o pagine dedicati all´infanzia e alle discussioni tra mamme sugli argomenti più disparati in fatto di maternità, diventa davvero difficile non mettere on line la vita dei nostri bambini.
Siamo consapevoli, però, dei rischi che possono derivare dall´esagerata condivisione di contenuti sui social?
Condividere un´immagine significa rendere pubblica una parte di noi che dal momento in cui diventa pubblica, non ci appartiene più e ha vita autonoma.
Quando mettiamo on  line la vita dei nostri figli, oltre a doverlo fare con grande accortezza e senza dovizia di particolari, dovremmo riflettere sul fatto che non gli abbiamo chiesto il permesso e che forse da adulto non sarà entusiasta  di sapere che frammenti della sua vita sono stati messi in rete a disposizione di tutti.

Mamme attente, la condivisione eccessiva sui social può essere pericolosa

 
Inoltre, non possiamo sapere con esattezza come i social network utilizzeranno l’immagine e le informazioni dei bambini con il pericolo che con qualche semplice click qualsiasi malintenzionato possa essere in grado di risalire non solo all´immagine dei nostri bambini ma anche  a tutte le informazioni relative alla sua vita privata e sociale ( quale scuola frequenta, lo sport che pratica, chi sono i suoi amici...)

C´è da dire che un numero sempre crescente di genitori  hanno deciso di non pubblicare foto dei propri figli sui social perché hanno compreso i rischi che comporta questa tendenza alla condivisione dilagante.
D´altra parte, però, rimane numerosa la schiera di mamme e papà che, orgogliosi dei propri piccoli, rende pubblico ogni momento della giornata dei loro bambini.

Per approfondire  quanto  la condivisione eccessiva possa essere un problema, ecco
quello che secondo gli esperti di Kaspersky Lab non si dovrebbe mai condividere online.


L’indirizzo di casa o scuola. Con questa informazione, rapinatori, pedofili, bulli e altri personaggi indesiderati possono facilmente localizzare le mamme e i loro bambini. I ragazzi, per esempio, raramente pubblicano il proprio indirizzo di casa sui social network, ma uno su tre nomina la scuola di appartenenza.

Il numero di telefono. Tra i bambini, il numero di telefono è un mezzo di contatto diretto che i compagni possono usare per condurre attività di bullismo, mentre gli adulti potrebbero usarlo per scopi ancora più allarmanti. Per i criminali questa informazione è tra le più preziose. Ad esempio, gli esperti di Kaspersky Lab hanno recentemente scoperto un sistema fraudolento usato dai cyber criminali per raccogliere i numeri di telefono degli utenti dei social network, sfruttando le informazioni rubate per registrarsi ai servizi di online banking e ottenere l’accesso ai conti delle vittime.

La geolocalizzazione (check-in). In questo modo è possibile scoprire quando una famiglia non è in casa. La geolocalizzazione permette inoltre di tracciare gli spostamenti dell’utente.

Foto personali. Foto che sembrano divertenti per le mamme potrebbero essere pericolose online. Non si può mai sapere dove le foto postate in modo innocente possono essere pubblicate. Ad esempio, esistono numerosi siti che raccolgono foto di bambini e le pubblicano come contenuti “hot”.

Foto di gruppo. È sempre meglio tenere a mente che altri genitori potrebbero non desiderare la condivisione delle foto dei loro bambini. Prima di pubblicare una foto di gruppo (del saggio di danza, della squadra di calcio, e così via) bisognerebbe sempre confrontarsi con le altre mamme.

Foto di regali costosi. Per gli estranei, si tratta di una dimostrazione di lusso e ricchezza. Insieme al proprio indirizzo di casa e alla geolocalizzazione, queste informazioni sono una miniera d’oro per i ladri che cercano le vittime su internet.

Informazioni sulla propria vita personale. Informazioni private potrebbero sempre essere usate contro di te. Potrebbero, ad esempio, essere utilizzate per indovinare la password di un account online, per organizzare una truffa in cui è più facile cadere e per entrare in contatto con tuo figlio, ottenendone la fiducia. Inoltre, pubblicare lamentele o informazioni molto personali sui tuoi cari è particolarmente pericoloso perché potrebbe rovinare una relazione. Infine, rimuovi le foto dei tuoi ex; non farlo potrebbe rovinare una relazione attuale o futura.



Data pubblicazione : 13/05/2018 Autore : claudia Liberti