Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicitŕ. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

MAX GAZZÉ - LA LEGGENDA DI CRISTALDA E PIZZOMUNNO (SANREMO 2018)

Naviga: NOTIZIE / SPETTACOLI

E´ uscito oggi "Alchemaya", il progetto musicale in doppio cd o triplo vinile, di Max Gazze´ che contiene "La leggenza di Cristalda e Pizzomunno", il brano in gara al 68° Festival di Sanremo. "E´ un progetto diviso in due atti nato dalla volonta´ di raccontare una serie di curiosita´ che ho approfondito negli ultimi trent´anni. Da quando sono bambino indago su questioni legate alla filosofia, alla mitologia: dall´armonia delle sfere di Pitagora al mondo egizio fino alle tradizioni mesopotamiche - racconta Gazze´ -. Cosi´ ho voluto raccontare questi percorsi con una serie di brani".

Di questi, undici, compongono un´opera sinfonica digitale, gli altri - contenuti del secondo disco - sono alcuni dei successi di Gazze´ con arrangiamento orchestrale e tre inediti, tra cui il pezzo sanremese. La particolarita´ sta nella definizione di "Alchemaya" come "opera sintonica". "I sintetizzatori - continua il cantautore - completano la sezione orchestrale, da qui la scelta di parlare di un´opera sintonica". La linea narrativa, invece, e´ "quella della poesia, quella che con mio fratello abbiamo adottato nella scrittura da piu´ di vent´anni".

Sull´esecuzione di "La leggenda di Cristalda e Pizzomunno a Sanremo con i jazzisti Rita Marcotulli e Roberto Gatto, Gazze´ dice: "Abbiamo gia´ fatto un tour insieme e ho pensato di far tornare il brano una ballad in chiave pop con basso che suonere´ io, pianoforte e batteria". Se, invece, il suo dovesse essere interpretato da un altro, Gazze´, non ha dubbi: "Questo e´ un pezzo per Bocelli".

"Tu che ora
Non temi,
Il canto…
Quel coro ammaliante
Che irrompe alla mente
E per quanto
Mulini
Le braccia oramai
Non potrai
Far più niente.
Ma se ti rilassi
E abbandoni
Il tuo viso
A un lunghissimo
Sonno,
O mio Pizzomunno,
Tu guarda
Quell’onda
Beffarda
Che affonda
Il tuo amore indifeso.
Io ti resterò
Per la vita fedele
E se fossero
Pochi, anche altri cent’anni!"






Data pubblicazione : 10/02/2018 Autore : Italpress Fonte: Italpress