Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicità. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

NON TI AMO COSÌ NON SOFFRO!: BARBARA SOGNA UN AMORE SOLIDO MA SCAPPA APPENA LA STORIA DIVENTA SERIA

Non ti amo così non soffro!: Barbara sogna un amore solido ma scappa appena la storia diventa seria

Cara “D”,
mi chiamo Barbara, ho 26 anni e ti scrivo perché non capisco il motivo per cui  sogno un amore vero ma, appena la storia inizia a a farsi più seria, io scappo.
Dopo le prime uscite, le prime telefonate e i primi batticuori, tutto svanisce in una bolla di sapone.
Appena gli uomini dimostrano un sentimento reale nei miei confronti perdo subito interesse.  Provo un grande  fastidio  e poi sopraggiunge l’ansia che mi fa stare male.

Mi ripeto che non succederà più, che questa volta è quella giusta ma puntualmente i buoni propositi vanno a frsi friggere!
E’ come se rifiutassi l’amore che mi viene offerto ma non capisco il motivo.
I miei genitori sono rimasti insieme per anni non amandosi più.
Condividevano solo la casa, le loro vite scorrevano parallele.
Credo lo abbiano fatto per amore dei figli… Io speravo con tutto il cuore che si separassero ma non ho mai avuto il coraggio di dirglielo.
Nel loro caso una storia stabile non è stato un bene  per la coppia: si sono chiusi e cristallizati nei loro ruoli di genitori e hanno smesso di essere una coppia vivendo quella fede al dito come una condanna.
Col senno di poi credo che questa situazione mi abbia molto segnata.
Io, invece, ho avuto un amore non corrisposto all’Università che mi ha provato parecchio.

Non ti amo così non soffro!: Barbara sogna un amore solido ma scappa appena la storia diventa seria
Avrei fatto qualunque cosa per lui ma non è bastato. Da allora non sono riuscita più a manifestare apertamente i miei sentimenti.
Ho avuto parecchi corteggiatori e con uno di loro ho provato recentemente a creare qualcosa di solido.
Ero presa parecchio da A. ma non sono andata oltre i due mesi di frequentazione: sono  scappata di nuovo!



A differenza di altri uomini che mi hanno tartassato di telefonate, messaggi e visite sotto casa per curare più il loro ego ferito che per un reale dispiacere, A. si è limitato a dirmi che non mi avrebbe cercata  e che non mi avrebbe fatto pressioni inutili ma che , se avessi teso la mano, avrei trovato la sua pronta ad afferrarrarla.
Sono passati dieci  giorni da allora e  A. mi manca.
Il suo atteggiamento, il suo concedermi tempo e non starmi addosso ha avuto come effetto quello di voler smettere di scappare.
Voglio fermarmi e trovare in una relazione il mio porto sicuro. Forse A. è la persona giusta con cui iniziare tutto questo. Ma come faccio a sapere che non scapperò di nuovo?
Dove sbaglio e come posso rimediare?

 


Cara Barbara,
la tua è la classica paura di amare: il timore infondato  che il tuo compagno possa deluderti o abbandonarti ti porta a fuggire da una relazione stabile pur desiderandola fortemente.
La possibilità di poterti innamorare di nuovo dopo una brutta delusione ti spaventa e, in parte, spaventa tutti.
Quando però questa paura diventa un vero problema allora si parla di Philofobia, un disturbo relazionale.
Alla base della paura d´amare c’è soprattutto un meccanismo di difesa: Non ti amo così è sicuro che non soffro”. Credo o che sia questo quello che scatta nella tua testa quando una storia inizia a farsi seria.
La paura di essere amata, di lasciarsi andare  edi  affidarsi completamente a qualcuno che poi ti deluderà e ti farà soffrire… Come posso evitare tutto questo? Semplice, mi impongo di non amarlo!
Ecco quello che fai tu, mia cara Barbara!
La situazione familiare in cui hai vissuto ha, di certo, alimentato la tua paura portandoti a credere che quando un’espressione d’amore si concretizza diventa poi pesante come un macigno.
E’ quello che è successo ai tuoi ma non è la regola.
L’amore non vuole essere catturato in una definizione.
Sono innamorata? E’ lui quello giusto?
Tutte queste domande non fanno che uccidere il sentimento.
L’amore deve solo essere vissuto “qui ed ora”. 
Finirà la storia e starai male? Almeno l’avrai vissuta fino in fondo e senza rimpianti.
Ha avuto l’intelligenza di lasciarti lo spazio e il tempo necessari a farti capire che,  se anche dentro di te un sentimento sta iniziando a nascere, lui c’è e  puoi fidarti di lui.
Non so se A. sarà l’amore della tua vita ma sono sicura che hai trovato la persona giusta con cui affrontare il tuo limite emotivo e lavorarci insieme.
Viviti questa storia, Barbara, con la spensieratezza con cui merita di essere vissuta alla tua età.
L’unico consiglio che mi sento di darti è realizzare cambiamenti graduali in modo che la tua mente si abitui a questi e sia pronta ad accettarne di  nuovi.

Ti lascio con una delle scene più famose del film “Se scappi ti sposo!”. 



Viversi l’amore”qui ed ora” per non avere rimpianti  in futuro: una dichiarazione di intenti vale più di cento dichiarazioni di amore eterno.

In bocca al lupo

“D”


“Cara D” è la posta del cuore di Donnesì.
Ogni settimana ospiteremo i tuoi dubbi, paure, curiosità.
Se hai voglia di condividere un tuo problema o una situazione che stai vivendo per un confronto o uno scambio di opinioni scrivi a cara.d@donnesi.com


Data pubblicazione : 21/01/2018 Autore : Cara D.