Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicità. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

OMELETTE E FRITTATA: COSA HANNO IN COMUNE?

Naviga: COME FARE / CUCINA


L’uovo è un alimento davvero prezioso e completo.
Può essere un piatto unico o un gustoso secondo; dal punto di vista nutrizionale è ricco ed equilibrato e si presta ad essere utilizzato nei modi più svariati.                                 Ha un ottimo sapore e, cosa da non sottovalutare, è davvero economico.  

Anche se compriamo le uova di galline allevate a terra e non in batteria (le riconosciamo dalla dicitura “Categoria A” sulla confezione), il prezzo sarà comunque inferiore a quello di un caffè al bar.

Spesso l’omelette e la frittata vengono confuse, in realtà ci sono sostanziali differenze tra le due pietanze.

L’omelette, di origine francese, può essere dolce o salata e gli ingredienti del ripieno si aggiungono a fine cottura.

Omelette e frittata: cosa hanno in comune?


Nella frittata, invece, gli ingredienti si mescolano insieme alle uova per qualche istante prima di cuocerle.

Nelle omelette si sbattono le uova con farina e latte.
Per friggere nelle omelette si usa il burro; nella frittata l’olio d’oliva.
L’omelette si cuoce da un solo lato per poi, in un secondo momento, chiuderla su se stessa o sul ripieno.

La frittata si cuoce su due lati quindi, a metà cottura, si deve girare.
Visto che la frittata è un vero fiore all’occhiello della nostra cucina e la sua preparazione è alla portata anche di chi è alle prime armi in cucina, oggi vi proponiamo la ricetta base e alcuni trucchi per una perfetta cottura delle omelette.

Fattore importantissimo: le uova in padella si devono rassodare ma non devono cuocere del tutto.

Gli ingredienti:

4 uova
4 cucchiai di latte
4 cucchiai di farina
burro (quanto basta per friggere)

Preparazione:

Quando il burro inizia a diventare rossastro, versate le uova e cuocetele a fuoco vivace spargendole su tutta la padella.
Quando l´omelette inizia a solidificarsi, staccate i bordi con una paletta e contemporaneamente, con l’altra mano, muovete la padella avanti e indietro con un movimento veloce per un minuto circa.
Inclinate la padella e fate scivolare l’omelette verso il bordo.
Se volete aggiungere una farcitura questo è il momento giusto per farlo.
Chiudete poi l’omelette ripiegandola su se stessa.
Mettete su un piatto da portata e servite.

Apparentemente cucinare un’omelette sembra molto facile ma la possibilità di romperla durante la cottura è molto alta.

Ecco allora qualche trucco per cucinare un’ottima omelette:

1) Usare burro chiarificato: si ottiene mettendo a bagnomaria la quantità di cui abbiamo bisogno fino a quando non appare in superficie una patina bianca (le proteine del latte) che si deve rimuovere con un cucchiaio.
Quello che resta sul fondo (caseina) deve essere invece filtrato prima di essere usato.

2) Le uova vanno sbattute subito prima di metterle nella padella già calda.
Vanno inoltre tolte dal frigorifero una mezz’ora prima di cucinarle

3) Per chiudere l’omelette senza romperla dopo averla farcita, bisogna usare una spatola di gomma.
Sarà più facile, in questo modo, piegare l’omelette a metà e chiuderla sui lati.


Data pubblicazione : 07/09/2017 Autore : Claudia