Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicità. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

RICCA E PROFUMATA LA CREMA FRANGIPANE È LA RIVALE DIRETTA DELLA PASTICCERA

Naviga: COME FARE / CUCINA

La  frangipane è una crema molto simile a quella pasticcera ma il sapore è più intenso e corposo.

Questa crema ricca e profumata, a base di mandorle, burro e zucchero, viene utilizzata soprattutto per la preparazione di torte, crostate ( soprattutto di frutta) e dolcetti ripieni mignon.
Se non avete tempo di preparare un dolce, sappiate che la crema frangipane è 
 buona anche gustata in coppa come dessert al cucchiaio.

Ecco i passaggi da seguire (si prepara in 5 minuti) ed alcuni consigli per farla a prova di chef.

Ricca e profumata la crema frangipane è la rivale diretta della pasticcera


Ingredienti per 4 persone:

Mezzo litro di latte

140 gr di zucchero

mezzo baccello di vaniglia

80 gr di farina di mandorle

mandorle a scagliette (a piacere)

4 tuorli

sale

 
Procedimento:

E’ molto importante che sia il burro che le uova siano a temperatura ambiente.
Versate il latte in un pentolino, aggiungete il baccello di vaniglia inciso in senso verticale e scaldatelo senza portarlo totalmente all’ebollizione.
Spegnete e lasciate intiepidire.

Montate i tuorli con lo zucchero e un pizzico di sale fino a quando non saranno gonfi e spumosi.
Incorporate  a pioggia la farina di mandorle  e mescolate per amalgamare bene. Diluite il composto con il latte filtrato e portate il tutto ad ebollizione mantenendo la fiamma bassa  e mescolando sempre.
Dopo una decina di minuti, quando la crema si sarà addensata, versatela in 4 coppe e lasciatela raffreddare.
Decorate a piacere con le scagliette di mandorle  e servite.
Se la crema frangipane vi serve  per farcire delle crostate o dei piccoli pasticcini (con pasta sfoglia che con pasta frolla), dovrete prima cuocere il guscio e poi procedere alla farcitura. 

La crema frangipane si conserva per un paio di giorni al massimo coperta con della pellicola trasparente in modo che  non si formi la patina in superficie.


Data pubblicazione : 11/06/2018 Autore : Claudia Liberti