Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicità. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

SUA MAESTÀ IL PANETTONE: AVETE MAI PROVATO A FARLO IN CASA?

Naviga: COME FARE / CUCINA

Il Panettone è il dolce tipico di Milano diffiuso e amato in tutto il mondo. Nato come dolce natalizio, in realtà è sempre più frequente trovarlo tutto l’anno anche nelle vetrine dei bar insieme a cornetti e brioche.

C’è chi lo preferisce  senza canditi, chi farcito al cioccolato o alla crema, chi ne assaggia solo un pezzettino a fine pranzo, ma a Natale sua maestà il panettone non può mancare sulle tavole degli Italiani.

A parte il fattore tempo ( la preparazione del panettone richiede solo 1 ora e mezza ma necessita più di 11 di riposo) e una grande forza quando si lavora l’impasto, fare il panettone non è così difficile come si pensa. 
Ma se si sbaglia la lievitazione, il risultato è compromesso.

Sua maestà il Panettone: avete mai provato a farlo in casa?


Ecco perché, cimentarsi nella preparazione del panettone, è una vera e propria sfida anche per i grandi chef .
Ma la soddisfazione che si prova una volta sfornato ripaga in un attimo delle lunghe ore di lavoro.

Di seguito vi spieghiamo come fare il panettone con lievito di birra ( o secco).
E’ una ricetta più semplice di quella con il lievito madre che, invece, deve essere rinfrescato ogni 4 ore per tre volte prima di essere usato nella preparazione .

 
Ingredienti:

800 gr di farina

100 gr di lievito di birra

200 gr di burro

180 gr di zucchero

1 uovo

4 tuorli

100 gr di uva passa

50 gr di scorze di arancia candite

sale


Procedimento:

Sbriciolate il lievito di birra in poca acqua tiepida e unite 100 grammi di farina.

Amalgamate il tutto fino ad ottenere una pasta morbida e mettetela in una ciotola leggermente infarinata.
Copritela con carta trasparente e poi, avvolta in un canovaccio, fatela lievitare per circa 3 ore in un luogo caldo.

Trascorso il tempo, unite altri 100 grammi di farina, impastate nuovamente aggiungendo un po’ di acqua tiepida.
Lasciate lievitare nuovamente la pasta per altre 2 ore coperta con carta trasparente e avvolta in un canovaccio.

Fate fondere il burro e lasciatelo raffreddare. Fate sciogliere lo zucchero in un pentolino a fiamma bassa con poca acqua.

Versate sulla spianatoia il resto della farina e al centro versate il burro fuso, lo zucchero sciolto in acqua, i tuorli, l’uovo e un pizzico di sale. Impastate per una ventina di minuti in modo energico e fino a formare una pasta elastica e compatta.

Aggiungete la pasta lievitata e lavorate il tutto ancora per un bel po’. Unite l’uva passa dopo averla ammorbidita in acqua e strizzata e i canditi tagliati a pezzettini.

Con le mani unte di burro date alla pagnotta una forma tondeggiante e mettetela nello stampo apposito da 1 chilo foderata con carta da forno imburrata.

Lasciatela lievitare per 6 ore in un posto caldo e asciutto. L’impasto deve raddoppiare il suo volume.
Fate un taglio a croce sulla parte alta della pagnotta e mettete qualche fiocco di burro al centro.
Cuocete il panettone  in forno preriscaldato a 220 gradi per circa 45 minuti. Per capire che il panettone è cotto basta vedere che diventi di quel classico colore bruno.

Sfornate il panettone e mettetelo a testa in giu per almeno due ore.
Lasciatelo raffreddare per qualche ora prima di servirlo.
Per mantenerlo morbido per diversi giorni, si consiglia di conservarlo chiuso in una busta di propilene e spruzzate dell´alcol alimentare.

Data pubblicazione : 07/12/2017 Autore : Claudia Liberti