Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori ed inviare pubblicità. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. +Info

VELLUTATA DI FINOCCHI ALLO ZAFFERANO: DEPURARSI CON GUSTO DALLE CALORIE IN ECCESSO

Naviga: COME FARE / CUCINA

Oggi vi proponiamo una ricetta leggera ma molto saporita: la vellutata di finocchi arricchita da zafferano e accompagnata da crostini di pane dorati.

Le vellutate e le zuppe non solo un piatto esclusivamente autunnale; sono ottime anche per mantenersi leggeri o per smaltire le calorie di troppo che inevitabilmente si accumulano.

Il sapore di questa vellutata è delicato e leggero: ecco la ricetta!

Vellutata di finocchi allo zafferano: depurarsi con gusto dalle calorie in eccesso



Ingredienti:

400 gr di finocchi

brodo vegetale

1 patata

1 bustina di zafferano

30 gr di farina

30 gr di burro

1 cipolla

parmigiano grattugiato

sale 

fette di pane bianco (quante ne volete)


Procedimento:

Tagliate a velo i finocchi e fateli appassre in una padella con metà dose di burro.
Unite la cipolla e la patata tagliata a cubetti e fate soffriggere il tutto per qualche minuto.

Versate la farina e il brodo bollente (tenendone da parte un bicchiere), aggiustate di sale e cuocete per un quarto d´ora mescolando ogni tanto.

Fate sciogliere lo zafferano nel brodo che avete messo da parte e aggiungetelo al composto.
Cuocetelo per qualche minuto ancora aggiustando di sale.

Mettete le fette di pane bianco una sull´altra su un tagliere e tagliatele a dadini di 2 centimetri l´uno.
Fateli tostare in una padella antiaderente ben calda e fateli saltare mantenendo la padella per il manico per non farli attaccare.
Oltre a ungerli con un po´ d´olio potete aggiungere un pizzico di rosmarino per profumarli. Quando saranno dorati su entrambi i lati, vuol dire che i crostini sono pronti.

Frullate il composto fino ad ottenere una crema e servite la vellutata calda o tiepida con i crostini di pane e una spolverata di grana.


Data pubblicazione : 28/10/2017 Autore : Claudia Liberti